Notizia

Le novità per gli infermieri annunciate da Giulia Grillo

L’intervento del Ministro della Salute durante il consiglio nazionale Fnopi

Firenze, 19 dicembre 2018 -  Superare il blocco delle assunzioni, inserire rappresentanti di tutte le professioni sanitarie all’interno del Csn e siglare il Patto della salute con le Regioni. Sono queste le novità relative al mondo sanitario annunciate dal Ministro della Salute Giulia Grillodurante il suo intervento al Consiglio nazionale della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristichedove il ministro ha portato il suo saluto ai 102 presidenti deli Ordini provinciali e al Comitato centrale della Fnopi.

«Per la celebrazione dei 40 anni del nostro Servizio sanitario nazionale – ha affermato il Ministro– abbiamo voluto che a parlare fosse chi lo porta avanti, quindi non i politici ma gli operatori sanitari. È stato significativo che ad aprire la seduta sia stata una giovane infermiera, e con lei ci sono state le varie testimonianze di varie figure che hanno mostrato come ciascuna di queste componga il nostro SSN. Da parte di questo governo c’è attenzione verso tutti gli attori della sanità; da medico conosco bene le condizioni di lavoro con cui vi dovete confrontare nella sanità pubblica, condizioni complicate, con turni massacranti e, in alcune realtà, in cui dovete misurarvi con difficoltà di natura sociale ed episodi di violenza».

«Con il Governo ci stiamo impegnando per il superamento del blocco delle assunzioni, per tutti gli operatori e soprattutto per il vostro comparto, e superare il tetto della spesa fissato all’1,4% del 2004. In questi giorni – ha proseguito il Ministro Giulia Grillo– ho azzerato il Consiglio superiore di Sanità e nell’esaminare chi erano i componenti uscenti mi sono accorta che non solo mancavano le rappresentanze di molte professioni, ma che non c’era neppure un infermiere. Nel nuovo ci saranno figure che vengono dal mondo della sanità ma che non sono solo medici, come gli infermieri, le ostetriche, i veterinari. Altra novità è che scriveremo con le Regioni il Patto per la salute e porteremo avanti le istanze che la vostra presidente ci ha illustrato. Questi sono i primi step del 2019 che attuerò per quanto riguarda la vostra categoria professionale. CI tengo a ricordare che il punto d’ascolto al ministero è sempre aperto, per voi come per tutti. Avremmo voluto già da questa legge di Bilancio investire più risorse sulla sanità, ma il triennio successivo ne vedrà ancora di più, da utilizzare in maniera virtuosa».

«Ho notato invece un livello crescente di insoddisfazione nei cittadini verso il servizio sanitario, dovuto a diversi fattori – ha concluso il Ministro Grillo–: vorrei che tutti comprendessero l’importanza della nostra sanità, del nostro servizio unico, pure con i suoi difetti. Dobbiamo recuperare il rapporto con il cittadino-paziente e voi siete quelli più prossimi e che trascorrono più tempo con lui. Difendiamo il Servizio sanitario nazionale universalistico e pubblico, uno dei capisaldi del progresso di una civiltà: perché non credo sia civile un Paese che non garantisce le cure a una persona senza assicurazione. Visto che voi passate tantissime ore con i pazienti pongo alla vostra attenzione questo problema e vi chiedo di provare a immaginare una modalità per fare “ri-innamorare” il cittadino di quella che è la più grande opera infrastrutturale di questo Paese».

18.12.19 OPI_Grillo Fnopi