Notizia

Emergenza coronavirus, l'appello delle Pubbliche assistenze toscane: state a casa

Bettini: "Questo riduce il contagio e ci permette di usare meglio i dispositivi di protezione in attesa di riapprovvigionarli"

Firenze, 12 marzo 2020 - I nostri volontari sono al lavoro. Ogni giorno sulle ambulanze e per i servizi di assistenza ai cittadini. L’emergenza coronavirus è difficile. Ma il volontariato ha risposto presente come sempre. Siamo presenti negli aeroporti, davanti agli ospedali per l'accoglienza dei pazienti. Stiamo assistendo chi è a casa e si trova in stato di necessità portando del cibo, un conforto umano. Per questo non finiremo mai di ringraziare tutte le nostre donne e i nostri uomini, ragazzi e ragazze che indossano la divisa e scendono in strada per aiutare il prossimo.
 
Ma in questo momento, ognuno di noi, semplice cittadino DEVE fare la sua parte. L’appello delle Pubbliche assistenze toscane per questi giorni è forte e univoco: state a casa. Non favorite il contagio. Adottate condotte responsabili perché i dispositivi di protezione non sono infiniti e per soccorrervi adeguatamente abbiamo necessità di essere protetti a nostra volta. La Regione Toscana è mobilitata per trovare mascherine e altri dispositivi necessari. Anche noi stiamo lavorando per l’approvvigionamento. Ma non mancano le difficoltà in un mercato mondiale che ormai è saturo e completamente stravolto dal dilagare del virus.
 
State a casa dunque, aiutateci a ridurre il contagio. Fatelo per voi stessi, se non volete farlo per la collettività. Aiutateci a fornirvi un soccorso adeguato.