Notizia

Anche il Canavese protagonista del primo Festival internazionale delle espressioni culturali

A Firenze, un viaggio virtuale in oltre 45 territori del mondo con gli occhi dei locals

Firenze, 24 novembre 2021 – Anche il Canavese, con i suoi territori, protagonista della prima edizione del Festival Internazionale delle espressioni culturali del mondo “The World in Florence”, ideato dal Movimento Life Beyond Tourism - Travel to Dialogue per dare la possibilità al pubblico di visitare virtualmente il mondo attraverso gli occhi dei locals. L’evento si terrà a Firenze sotto l’Alto Patronato del Parlamento Europeo dal 25 al 28novembre, nella Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi (ingresso da via Cavour). Una manifestazione che chiamerà a raccolta oltre 45 territori del mondo (in rappresentanza di Azerbaijan, Camerun, Cina, Georgia, Giappone, India, Italia, Kosovo, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Slovacchia), impegnati in un esercizio di narrazione dei territori in cui sono coinvolti studenti (sia universitari che di istituti di istruzione superiore), pubbliche amministrazioni, enti di promozione del territorio, musei e fondazioni (per gli orari si rimanda al sito www.lifebeyondtourism.org).

Tra i tanti territori del mondo che “si presenteranno” al pubblico c’è anche il Canavese: i Comuni piemontesi di Aglié,Castellamonte e San Giorgio Canavese saranno visitabili virtualmente, grazie a una mostra fotografica interattiva, con il loro patrimonio materiale e immateriale. Un focus sul territorio delle Tre Terre Canavesane, scandito dalle immagini di luoghi ricchi di storia millenaria, come il Castello Ducale di Agliè, residenza sabauda e patrimonio Unesco, e i castelli di San Giorgio Canavese e Castellamonte. Spazio anche al racconto della passione per i prodotti genuini come i torcetti di Agliè, la Piattella di Cortereggio e vini come l'Erbaluce, il Passito e il Canavese Rosso. Infine, una panoramica sugli splendidi paesaggi di un angolo di Piemonte tutto da scoprire. Un territorio dove storia e tradizioni, come quella dell’arte della ceramica, sono ancora radicate e presenti.

The World in Florence è un festival internazionale e interculturale che vuole consentire a tutti i partecipanti di viaggiare nel mondo grazie ai racconti e alle immagini che i residenti dei vari luoghi del mondo propongono. Tre le sezioni previste. La prima è la mostra interattiva, con i pannelli dotati di tecnologia NFC che consente l'interazione con i visitatori alla scoperta di curiosità e approfondimenti dei luoghi della mostra nel mondo. In programma anche quattro Keynote lecture dedicate alle prospettive post-covid: modello di sviluppo socio-economico; conservazione delle identità culturali; uso sostenibile delle risorse; turismo relazionale. Infine, la realizzazione di un catalogo internazionale online, che raccoglierà la presentazione dei lavori di Storytelling culturale e i pannelli della mostra. 

Si tratta della prima di cinque edizioni che puntano a favorire l'interpretazione e la comunicazione delle espressioni culturali dei luoghi e a promuovere la consapevolezza culturale delle comunità locali. E soprattutto valorizzare l'attrattività internazionale dei territori trasformando il turismo in ospitalità per l'inclusione, la solidarietà e il dialogo interculturale. Grazie all’iniziativa, Firenze diventerà capofila di un progetto di marketing territoriale sui viaggi. 

«La città di Firenze, con la sua storia e la sua eredità umanistica, diventa così luogo ideale dove le giovani generazioni di studenti interessati a viaggio e patrimonio, amministrazioni locali e ONG possono condividere e offrire una visione autentica e interiorizzata del proprio luogo di nascita, fatta di poster fotografici, video e informazioni extra di realtà aumentata fruibili grazie alla tecnologia NFC spiega Carlotta Del Bianco -.Tutto questo si traduce in un contributo concreto per la ripresa economica dei territori che potranno così presentarsi in modo non canonico e divenire quindi meta di viaggiatori consapevoli, in grado di apprezzare i prodotti a km0 che i vari luoghi propongono e i pezzi unici dell’artigianato artistico, che visitano i piccoli musei e possono diventare stimolo per altri viaggiatori. Superando così il concetto del turista “mordi e fuggi” e divenendo sempre più residenti temporanei con un conseguente auspicato aumento di soggiorno medio».

scarica file nr. 1